La chemio favorirebbe il cancro ?


10 ago 2012   //   by Nebrodi 5 Stelle   //   Blog, Sviluppo  





La chemioterapia, uno dei trattamenti più utilizzati nella lotta al cancro, pare possa invece favorirne la crescita secondo uno studio pubblicato su “Nature”.

A dare l’inquietante notizia è stato il dottor Peter Nelson e colleghi del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle, Washington (Usa) i quali hanno scoperto che il trattamento con la chemioterapia può stimolare nelle cellule sane che si trovano intorno al tumore della prostata – ma anche del seno e delle ovaie – la secrezione di una proteina che favorisce la crescita del tumore e, in più, lo rende resistente a ulteriori trattamenti.

«L’aumento della proteina WNT16B interagisce con le vicine cellule tumorali facendole crescere, propagare e, più importante di tutto, resistere ai successivi trattamenti anti-tumorali era del tutto inattesa», spiega Nelson. Una scoperta inattesa, sì, ma che tuttavia conferma precedenti ricerche che suggerivano come certi tipi di tumore rispondano bene ai primi trattamenti chemioterapici salvo poi ricrescere in fretta e sviluppare una maggiore resistenza a ulteriori trattamenti.

«I nostri risultati indicano che il danno nelle cellule benigne può direttamente contribuire a rafforzare la crescita “cinetica” del cancro», scrivono gli autori. La soluzione, al momento, potrebbe essere quella di trovare un metodo per cui si possa ovviare a questo effetto indesiderato della chemio: «per esempio, un anticorpo alla WNT16B, assunto durante alla chemioterapia, potrebbe migliorane la risposa uccidendo più cellule tumorali. In alternativa, si potrebbero ridurre le dosi della chemio», concludono gli scienziati.

N.B. Ci sembra doveroso precisare che l’articolo in questione vada preso con le dovute precauzioni, non intendiamo in nessun modo sostituirci ai medici che sono soltanto loro in grado di dare un giudizio accurato in questo campo.
Il nostro intento è di dare un’informazione costruttiva, non distruttiva.  Si tratta infatti di una notizia reale, proveniente da fonti attendibili.
Rimaniamo comunque a disposizione per chiunque voglia controbattere con informazioni adeguate e fondate.

L’articolo originale di Nature Magazine:
http://www.nature.com/nm/journal/vaop/ncurrent/full/nm.2890.html

1144